DoryMan e le barche venete

Ieri sera stavo cercando nella rete per vedere di trovare dei piani per costruire con la tecnica del cuci e incolla una mascareta o qualcosa di simile e ho trovato questo bel blog, di qualcuno nell’Oregon (costa ovest degli Stati Uniti), direi. Molto ricco di articoli e immagini di barchette tradizionali o autocostruite di ogni tipo … fino ad arrivare alle ‘lontane’ Mascarete, Sandoli, Sampierote, etc. della Laguna Veneta (e non solo…).

Segnalo gli articoli

Rowing in Venice, dove è riportato un bellissimo video fornito da Giacomo De Stefano (Manontheriver)

e Venetian Boats, con altre belle foto dalla Laguna Veneta dell’amico Giacomo

… piccolo il mondo se vai a remi!

PS: una Dory non è così distante da un piccolo Sandolo o da una Mascareta (nell’immagine che segue una Dory, la Oarling di Devlin):

Una Dory: Devlin Oarling

Basterebbe modificare un po’ la prua e aggiungere la ‘bolla’ nella parte posteriore del fondo che permette di arretrare il peso senza farla ‘appoppare’ … e poi ovviamente le forcole (nell’immagine che segue una Mascareta a 4 vogatori della Canottieri Mestre):

Mascareta Canottieri Mestre

Ma per ora, tanto per restare sul tema partendo da una cosa semplice, ho comprato i piani di questa piroga, la Ranger di Selway-Fisher (di cui c’è anche la versione da 24 piedi, circa 7,3 metri …):

Selway-Fisher Ranger 16

Annunci

Padova – Percorso fluviale da Castelvecchio a Castelnuovo con gli Amissi del Piovego

Due bei video dove Padova TV intervista Maurizio Ulliana degli Amissi del Piovego a bordo di una Mascareta. Il tutto si svolge a  Padova, nel cui territorio è presente la più grossa rete fluviale d’Italia. In particolare qui è illustrato un percorso che si snoda tutto all’interno della città di Padova con passaggi che lambiscono e rendono visibili dall’acqua siti d’interesse storico/monumentale in una bella alternanza con scorci naturalistici e di verde (con, purtroppo, qualche segno di degrado) o passando tra le case (ricordando un po’ Venezia). Consiglio di prendersi il tempo necessario per guardare questi due video:

Il percorso totale, spezzato in questi due video, è questo:

si parte a valle della cascatella di Ponte S. Agostino, sotto al Castelvecchio (o Specola, http://www.magicoveneto.it/Padovano/Padova/Torlonga.htm)Padova, La Specola, si segue il corso del fiume passando Ponte Molini, Ponte del Carmine, si giunge alle Porte Contarine, per arrivare nel Piovego che costeggia i bei Giardini dell’Arena e, da sotto, il bel viale delimitato dai platani lungo la zona universitaria, il Portello, il parco Fistomba, e infine, le mura del Castelnuovo adiacenti la Golena S.Massimo, sede degli Amissi del Piovego e della Lega Navale di Padova. Il viaggio temina qui, da dove, proseguendo nella direzione di Noventa Padovana, si potrà raggiungere il Brenta (facendo il percorso inverso, capita che arrivino nel Piovego turisti a bordo di houseboat noleggiate in zone limitrofe).

Nel corso della navigazione si vedono posti dove è possibile mettere in acqua una piccola barca a remi …

 

Porte Contarine Padova        Porta portello 1

Nelle immagini ci sono nell’oridine: la Specola, le Porte Contarine, il Portello.

Qui sotto c’è invece la mappa con il percorso (tra i due segnanti azzurri, è quello verso l’alto della mappa, dove sono ben visibili i Giardini dell’Arena).

 

Qualche riferimento utile per la navigazione nelle acque interne del Veneto:

Sistemi Territoriali Spa (informazioni varie, orari conche, regolamento completo “Regione Veneto – REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA”)

Mappafiumi (Padovanavigazione, mappa dei fiumi navigabili a Padova e dintorni, nella mappa si può cliccare su un fiume e visualizzarne le informazioni di dettaglio)